Treno merci deraglia, tragedia a Viareggio.

Lutti e devastazione in un paradiso delle vacanze al mare: Viareggio. Proprio mentre l’Italia si stava rialzando dal tragico terremoto Abruzzese, un’altra tragedia si abbatte sulla nostra penisola. Stavolta la strage colpisce la città di Viareggio. Un treno merci carico di Gpl deraglia e causa un’esplosione nei pressi della stazione di Viareggio. Il bilancio è tragico: almeno 15 morti, 3 … Continua a leggere

Michael Jackson, da Peter Pan del pop a Dorian Gray

25 GIUGNO 2009: America sotto shock per la morte di Michael Jackson. Il cantante Michael Jackson è morto poco dopo le 14 locali a Los Angeles per un arresto cardiaco. La sua morte però si tinge di giallo come, del resto, misteriosa fu la sua vita. Michael Jackson è nato a Gary il 29 agosto 1958. Dopo aver iniziato la propria … Continua a leggere

TERMOVALORIZZATORE SI, O TERMOVALORIZZATORE NO?

PREMESSA: scusate la mia deformazione professionale ma, chi lavora in un determinato settore si sente maggiormente coinvolto e sensibile in quel determinato ambito. In una società consumistica si pone il problema di come smaltire i rifiuti ma, in Italia tale questione si è affrontata in ritardo (come al solito, mi verrebbe da dire…). Parma produce annualmente circa 126.700 tonnellate di … Continua a leggere

State of play

Da poco uscito nelle sale, “State of play” sembra un film aderente al nostro corso di “Informatica applicata al giornalismo”. Le tematiche importanti della pellicola del regista Kevin Macdonald sono il sodalizio tra cinema e giornalismo. Infatti questi due mondi si parlano e si guardano di nascosto da sempre. L’uno zoppica senza l’altro e l’immagine del giornalista ci ha guadagnato … Continua a leggere

Un pianeta solo non basta, forse è opportuno che l’uomo rallenti la sua corsa.

Un pianeta solo non basta, nel 2050, se continueremo a consumare con il ritmo attuale acqua, suolo fertile, risorse forestali e specie animali, di Pianeti ce ne vorranno due. Queste sono le conclusioni del “Living Planet Report”, l’ultimo rapporto del WWF. Dopo due anni di studi gli esperti hanno concluso che quello attuale è un ritmo insostenibile per la Terra, … Continua a leggere

Esserci o non esserci su Facebook?

Sembra questo uno dei dilemmi amletici degli ultimi periodi in Internet, dato che 200 milioni di persone hanno già scelto di esserci. E, probabilmente, altrettanti stanno cercando di capire se entrare o meno. Insomma, che piaccia o no, questo social network è una vera e propria rivoluzione del modo di stare in contatto con il prossimo. Facebook è un popolare … Continua a leggere

LE AGENZIE DI STAMPA II° parte

COME ANTICIPATO NEL PRECEDENTE POST, CERCHERO’ DI “ANALIZZARE” LE AGENZIE DI STAMPA ESTERE. SARA’ UN COMPITO ARDUO MA, CI PROVERO’!! L’Agence France-Presse (AFP) è un’agenzia di stampa francese, ed una delle tre Agenzie di stampa più famose di tutto il mondo. L’Agence France- Presse è tradotto in molte lingue. In italiano solo nel 2001. Il quartier generale dell’AFP si trova a … Continua a leggere

LE AGENZIE STAMPA I° parte

Le Agenzie stampa sono la struttura base dell’informazione internazionale. Sono nate con l’Agenzia Havas, a Parigi nel 1835 e traduceva articoli dalla stampa estera per poi vendere le traduzioni ai giornali francesi. Un dipendente di Havas, il tedesco Reuter, fondò nel 1841 la prima agenzia che forniva agli abbonati dispacci telegrafici con informazioni commerciali. Naturalizzato inglese, Reuter trasferì l’agenzia a … Continua a leggere

TERREMOTO IN ABRUZZO

SIAMO TUTTI A CONOSCENZA DEL TRAGICO TERREMOTO IN ABRUZZO COSTATO LA VITA A 300 PERSONE E DISTRUTTO INTERE CITTA’ MA, IO MI SENTO PARTICOLARMENTE INDIGNATA E COINVOLTA PER UN DUPLICE MOTIVO. IL PRIMO E’ LA VICINANZA GEOGRAFICA AL SISMA (nella mia città, San Benedetto del Tronto- per chi non lo sapesse- abbiamo sentito fortemente la terra tremare ma, senza danni a … Continua a leggere

Futuro incerto dei giornalisti

“Denunciare è del giornalismo, proporre soluzioni è politica” Attualmente stiamo vivendo, ma spesso subendo, un giornalismo che non è più oggettivo quindi che non conosce i valori etici e morali. Spesso il giornalismo italiano è “bruciato” dalle pesanti interferenze politiche e dalle imprese editoriali sempre più coinvolte o spinte in progetti e interessi estranei all’editoria, e anzi in contrasto con … Continua a leggere